imamgine

La storia di una mamma della Provincia di Trento

“Ero a metà gravidanza quando mi hanno consigliato di andare a Padova per sottopormi ad un’ecografia di secondo livello al fine di approfondire la cardiopatia di nostro figlio. Fuori dall’ambulatorio ho trovato il volantino dell’Associazione Un Cuore Un Mondo Padova Onlus UCUM) e così poco dopo ho contattato la segreteria spiegando che venivo dal Trentino Alto Adige e che avrei dovuto partorire a Padova. Avevamo bisogno di aiuto per capire dove poter alloggiare e come muoverci dato che abbiamo altri tre figli piccoli che non potevamo ovviamente lasciare soli a casa.

Quando è arrivato il momento del parto, l’Associazione c’era: era un weekend e quasi come una baby sitter ci ha aiutato nel tenere gli altri bambini fino al momento in cui la nonna è arrivata in città; l’associazione ci ha poi aiutato a individuare un mini appartamento dove poi abbiamo alloggiato.

Quando poi io sono rimasta sola in ospedale con il piccolino in Terapia Intensiva, UCUM è stata un vero aiuto: mi hanno prestato il tiralatte, mi ha dato una borsa frigo per trasportare il latte, mi hanno aiutata perfino con i pasti caldi. E soprattuto mi hanno fatto conoscere la psicologa Sonja, il cui intervento in reparto è finanziato proprio dalla Onlus: ero sola, impaurita e letteralmente distrutta da una serie di emozioni così forti che solo una mamma che le ha vissute può capire. Questo supporto è stato una manna dal cielo, senza di esso non so cosa avrei fatto.
Mi sono sentita presa in cura anche io, ascoltata, supportata. Meno sola.

C’è un filo invisibile che unisce noi all’Associazione e in particolare alla psicologa Sonja: c’è sempre, anche in occasione dei controlli e dei ricoveri che il nostro piccolo deve subire e che per noi genitori ogni volta rappresenta un vero trauma.

Quando abbiamo avuto bisogno, e ancora lo abbiamo, Un Cuore Un Mondo Padova c’è sempre stato e continua ad esserci.

 

Il tuo 5X1000 può aiutarci a sostenere tanti altri casi come quello di Gianni e del piccolo Lorenzo. Concretamente desideriamo continuare ad aiutare:

  • le mamme e i papà dei piccoli pazienti ricoverati attraverso un supporto logistico e psicologico,
  • i bambini dimessi che possono partecipare al programma di riabilitazione motoria Un Cuore in Forma,
  • i medici e i ricercatori tramite progetti di ricerca e formazione
  • la Missione Eritrea volta alla cooperazione con il Servizio di Cardiologia Pediatrica dell’ Orotta Pediatric Hospital di Asmara dove ogni anno una nostra equipe di medici e infermieri è impegnata per un periodo di circa quindici giorni per effettuare gli interventi più delicati.

Dalla fine degli anni ’70 ad oggi l’indice di mortalità per questo tipo di patologie è sceso dal 14% al 3%. Una realtà che dimostra chiaramente come ci sono solide basi per portare avanti ricerche importanti e consentire ai bambini affetti da patologie cardiache dell’età evolutiva di superare la loro malattia ed avere una qualità di vita paragonabile a quella dei loro coetanei.

 

il tuo 5X1000 può davvero darci una mano con ognuno di loro. Aiutaci ad aiutare!
Per donare è sufficiente firmare la dichiarazione dei redditi (CUD, 730, e Modello Unico) in corrispondenza della seguente dicitura: Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilitàsociale, delle associazioni di promozione sociale delle assicurazioni e fondazioni. Indicando nella riga sottostante il codice fiscale della Fondazione: 92102260285